Prometheus

di Ridley Scott. 2012

Ho aspettato del tempo prima di scrivere qualcosa su Prometheus. Avevo bisogno di assimilarlo, di capirne l’effetto a distanza di tempo. Ora mi sento pronto per parlarne. Per scriverne. Quindi. Le aspettative per questo ritorno alla fantascienza pura da parte di Ridley Scott erano altissime, sopratutto per il fatto che il tutto gira intorno alla saga di Alien. Capolavoro o fallimento? Nuova saga o Prequel? la verità, come in moltissime cose, sta nel mezzo e come la famosa questione del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno probabilmente il risultato, positivo o negativo, dipende da diversi fattori tra cui l’occhio di chi guarda. Per quanto riguarda me una volta tirate le somme non posso fare altro che sentenziare un voto positivo. Mi è piaciuto. E non poco. Dicevo prima del tempo che mi sono preso per assimilarlo in modo da fare chiarezza sui lati positivi e sui lati negativi di un opera davvero complessa. Prima di tutto mettiamo in chiaro alcune questioni sul progetto visto che, girando per svariati forum, mi è parso di capire che moltissima gente non abbia capito che cosa stava andando a vedere. E si che secondo me la cosa era abbastanza chiara, sopratutto per i fanboy che hanno seguito passo passo, come il sottoscritto, ogni dichiarazione fatta sul progetto. Tutto nasce da Ridley che riprende in mano l’universo di Alien e decide di fare un prequel per spiegare che cosa sia successo prima dell’arrivo dei nostri eroi nel famigerato pianeta dove tutto ebbe inizio. Quello dello Space Jokey. Quello dove trovarono le famose Uova. Insomma, lo spiegone delle origini. A poco a poco che il progetto andava avanti le questione diventavano complicate e il materiale scritto si ampliava a dismisura tanto che a un certo punto la produzione ha suggerito a Scott di creare una Saga tutta nuova. Scott, entusiasto, ha così deciso di creare qualcosa di nuova rimanendo nello stesso universo di Alien e mantenendo, visto il materiale di partenza, dei punti di contatto tra le due saghe. Fu così che il progetto assunse un anima tutta sua dal titolo Prometheus vietando l’uso dell’aggettivo Prequel. Ad aiutare Scott arrivò così Damon Lindelof, lo sceneggiatore di Lost, l’uomo per cui tanta gente parla male di Prometheus. Il punto dolente di Prometheus, se proprio vogliamo definirlo dolente, è la scrittura. Lindelof, come in Lost, carica la storia di interrogativi le cui risposte sono riscontrabili solo nei piccoli indizi che semina quì e lì senza dare spiegazioni chiare a tutto quanto, lasciando lo spettatore con un finale aperto su diverse questioni che, per quanto mi riguarda, non sono poi molte. Insomma ho avuto l’impressione che Scott abbia voluto elevare la sua creatura puntando su una via di mezzo tra il classico film di fantascienza alla Alien e qualcosa di più alto. Per certi versi molto più simile a Solaris. La questione è semplicemente se un certo tipo di scrittura possa piacere o meno allo spettatore. Le risposte sui punti di contatto con Alien arrivano ma con esse anche delle nuove domande e il tutto si traduce con una delusione sotto quel punto di vista. Insomma i fan che si aspettano un prequel di Alien con tutte le risposte rimarranno delusi nonostante Scott abbia precisato più volte che Prometheus non sarebbe più stato un vero e proprio Prequel di Alien (anche se un pochini lo è, dai). Ma vedendo la nuova carne al fuoco ci si chiede se sia davvero poi così importante. Per quanto mi riguarda le risposte che non dà non sono poi così essenziali. Il vero problema, più che lanciare quesiti, sta probabilmente nella gestione dei personaggi. Vero punto dolente. Alcuni di loro vengono davvero trascurati e buttati li a casaccio rendendo diverse scene un pò vuote e insensate. Ecco. Una brutta gestione dei personaggi è il vero problema di questa pellicola. E il resto del film? Il resto del film è davvero ottimo. Tutto l’impatto visivo, dalla fotografia ai colori al design è a livelli altissimi tanto da lasciare a bocca aperte in diverse sequenze. Davvero di impatto. Tirando le somme Prometheus probabilmente non è il capolavoro che tutti si aspettavano ma nonostante i piccoli difetti per il sottoscritto rimane comunque davvero un ottimo film. Di quelli che, visti da ragazzino, mi sarei di sicuro innamorato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...