Super (2010)

L’immagine quì sopra potrebbe essere per molti un motivo sufficiente per vedere Super di James Gunn ma in realtà i motivi per guardarlo sono molteplici. Prima di cominciare la visione mi sono detto: “cos’è , dopo Kick-Ass è moda?” ma in realtà il film ha un anima e un corpo molto più indipendenti e un cuore decisamente più nero. James Gunn viene dal mondo Troma (sceneggiatore) e quì si trova a dirigere il suo secondo lungometraggio (il primo era il fanta-splatter Slither). Si narra di Frank (Rainn Wilson) che  per salvare la moglie Sarah (Liv Tyler) dalle grinfie del rivale spacciatore (Kevin Bacon) finirà per avere visioni divine che lo porteranno a vestire i panni dell’eroe mascherato Crimson Bolt. Ma a differenza di Kick-Ass quì le cose sono diverse. Quì si spaccano teste con chiavi inglesi e il nostro Frank e la sua aiutante Libby (Ellen Page) sono persone comuni con i loro problemi che, spesso, sconfinano nello psicolabile. Così Gunn finisce per sfornare una commedia indipendente a tratti splatter completamente folle dove il sangue e la violenza fanno spesso capolino in un mondo sporco girato come un B-Movie.  E poi c’è una bravissima Ellen Page come non si vedeva da un pò.